2 agosto 2009

ANTONIO RAGONE: AFA



AFA

È lontano il mare ora più che mai
in quest’afa d’agosto,
se non ritrovarlo lontano
nuotando verso l’orizzonte
senza fermarsi mai.

Solo così lo riposseggo sano,
tanto che vale
se nella brezza salata del maestrale
non assaporo l’effluvio boschivo
di isole celate nella sua stessa immensità.





(Da "I Passi sul sentiero sconosciuto" pubblicato luglio 2009)

Nessun commento:

Posta un commento

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge