16 agosto 2009

ANTONIO RAGONE: UNA SERA D'AGOSTO





UNA SERA D’AGOSTO



Nel tranquillo aere d’una sera agostana
scorsi il lucore delle perseidi
precipitare nell’ondeggiante verde mare

dei colli castellani, svanire tra i vitigni.

Guaivano i cani alla chiara luna
dalle vicine gore si levava un flebile
gracidìo di rane nascoste al buio
mentre inconsapevole raccoglievo quelle lacrime.


Antonio Ragone
(Da I passi sul sentiero sconosciuto - liberidiscrivere.eu -luglio 2009)

1 commento:

  1. Mariaconcetta3 aprile 2014 18:00

    tra sciami di luci
    suoni di voci

    tra arpeggi e canti
    gonfi gli occhi al pianto
    arresi

    Maria

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge