29 novembre 2009

ADRIANA PASSARI (ondadigrano): SULLA POESIA DI PASTONCHI



La poesia è semplice, sembra semplice, eppure racchiude in sé gli echi di una cultura millenaria, e, forse, soprattutto, una parte del mistero dell'esistenza. Nel Museo dove lavoro, i giorni scorsi è stata inaugurata una mostra in cui compaiono alcune statuine dai 20.000 ai 5.000 anni fa... statuine di donne incinte, di DEE MADRI. Se l'Uomo preistorico, nel momento in cui comincia a produrre simboli e forme artistiche, nonché a esprimere il suo sentimento religioso, inizia con corpi di donne dee madri... e con questo celebra in qualche modo la vita, non è poi così peregrino che la figura della madre rappresenti "l'abbondanza" dell'Universo, i doni che continuamente riceviamo dalla vita. Il problema forse è che il Femminile e tutto ciò che ne consegue, (insieme alla cultura del dono e della Cura) non hanno molta voce né ascolto...


La"Venere di Laussel" risalente a 20.000 anni fa


Nessun commento:

Posta un commento

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge