19 dicembre 2009

CRISTALLO DI ROCCA: UNA STORIA DI NATALE DI ADALBERT STIFTER




Cristallo di rocca. È un bel film di Natale tratto da un bel libro di Adalbert Stifter. La storia è ambientata in una comunità di montagna, al confine fra Italia e Austria, dove da tempo antichissimo due paesi sono separati da una rovente rivalità. Due bambini, fratello e sorella, si smarriscono sulla montagna innevata. Grazie a questo avvenimento l'odio viene messo da parte e gli uomini di entrambi i villaggi si uniscono per le ricerche.





La notte di Natale, in alta montagna, due bambini, fratello e sorella, si smarriscono, perdono l'orientamento e attraversano un regno misterioso di neve, pietra e ghiaccio. La lunga notte trascorsa in una grotta è carica di insidie, di seduzioni e di mistero, (la grotta di Betlemme?) ma al tempo stesso è trepidante attesa del giorno nuovo, speranza di salvezza in una fuga dal pericolo e dall'ignoto. I bambini vengono trovati e salvati dal misterioso e suggestivo Martin, che qui rappresenta la figura cristiana di colui che salva perdendo la propria vita, quindi è lui, a mio avviso, il vero protagonista della storia. È bravissimo Franco Castellano ad impersonalo. Tratto dal libro di Stifter, racconta una storia sottile e complessa, carica di sensi che vanno oltre l'orizzonte salvifico del prodigioso finale e lasciano intravedere nell'esperienza dei fanciulli smarriti la realtà della condizione umana. Il fascino di "Cristallo di rocca" - originariamente intitolato "La notte santa" - sta proprio nella felice ambiguità tra rappresentazione realistica e rappresentazione simbolica, tra vicende e spazi verosimili e il tempo mitico della sua cornice solo apparentemente favolistica, narrata con un occhio particolare alla tradizione di un Natale Vero che, oggi, vivono solo coloro che riescono, in qualche modo, a sottrarsi al modernismo e al consumismo. Il candore della neve fa da naturale sfondo ad una storia di uomini e donne di tempi che purtroppo non ci sono più. Una storia suggestiva e, perché no, nostalgica, dona una sana atmosfera natalizia, lontanissima dalle festività paganizzate e consumistiche entro le quali oggi purtroppo ci ritroviamo a vivere, e, almeno per me, a non condividere, ma a soffrirle più che a sopportarle. Questo film, fino a poco tempo fa per me sconosciuto, mi ha ridato il profumo del vero Natale. Bellissimi i dialoghi, come: "Sui monti c'è Dio" - "Dio è sempre lo stesso" - "Sì, ma sono io a non essere sempre lo stesso." - Vera poesia.


(Antonio Ragone)


Adalbert Stifter (Oberplan, 23 ottobre 1805 – Linz, 28 gennaio 1868) è stato uno scrittore, pittore e pedagogo austriaco.

1 commento:

  1. Questa notte ho letto questo brano, e mi ha molto emozionato. In quest'atmosfera dolce, natalizia, ho capito come le cose belle vengono messe in soffitta e quelle effimere, banali ed inutili, nonchè dannosi, siano di moda. Basti vedere quello che ci propina la nostra brutta teelvisione anche in queste sere speciali.

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge