5 gennaio 2010

ANTONIO RAGONE: EPIFANIA



EPIFANIA

S’è levata alta la stella

Così ora partiremo
Da Media da Persia e da Caldea

Di là della sponda del Sabe
Ci accamperemo appena sul far dell’alba

Ci leveremo prima che salga la notte
All’odore selvatico di rossa sabbia
Che sa di vento d’un lontano mare

Bisogna la notte traversare il deserto
Quando più sicura e chiara è la stellare luce
Cavalcando nel lento sogno d’un cavallo di cartone



Antonio Ragone, 5 gennaio 2010

7 commenti:

  1. E' sublime e delicata questa poesia,dedicata all'Epifania,la quale descrive il viaggio effettuato dai Re Magi da Oriente verso Gerusalemme,allo scopo di omaggiare il Bambino Gesu',nato nella grotta di Betlemme.

    RispondiElimina
  2. Che bella questa poesia! Un bellissimo modo di rivedere la festa dell’Epifania. Ho provato una forte emozione leggendola. L’emozione del mistero religioso affiancato al mistero della vita umana. Credo che questo percorso è quello della vita, qui mi pare che parte all’inverso, dagli anni di oggi per ritornare religiosamente agli anni dell’infanzia, ai piccoli regali che le mamme davano ai loro bambini. Grazie, Antonio. Sono commossa.

    RispondiElimina
  3. Ciao, per caso ho visitato il tuo blog. Complimenti per questa bella descrizione, molti festeggiano l'Epifania ma quasi nessuno sa il significato di questa festa..... bellissima spiegazione della festività dell’Epifania e voglio proprio farti i complimenti: è davvero bella!!

    RispondiElimina
  4. Grazie per la vostra partecipazione, grazie di cuore!

    RispondiElimina
  5. Angelo Baiunco6 gennaio 2014 11:36

    Avrei tante cose da dire su questi versi; ma non le dico per non depauperarli dell'incanto, della forza poetica, dell'espressione spirituale sottesa.
    Grazie Antonio, te li ricondivido, lo meritano.

    RispondiElimina
  6. Nella prospettiva la Luce ci sorregga:
    gli erti cammini si addolciscano in declivi.
    Che la forza dell’Amore sia bussola e timone.
    Estasi e tormento
    che sia cemento!

    Maria

    RispondiElimina
  7. Agnese Di Venanzio7 gennaio 2014 09:21

    Antonio,come sempre i tuoi versi ci regalano momenti di vera meditazione. E così questo viaggio dei "magi" , la sana furbizia dei magi (come dice Papa Francesco) un viaggio aggiungo .... verso la luce !... quello che dovremmo intraprendere, per perseguire la vera gioia . Grazie sempre, di ciò che ci permetti di condividere .

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge