4 febbraio 2010

ADRIANA PASSARI: "ALLA VITA" DI NAZIM HIKMET

ALLA VITA

La vita non è uno scherzo.
Prendila sul serio come fa lo scoiattolo, ad esempio,
senza aspettarti nulla
dal di fuori o nell'al di là.
Non avrai altro da fare che vivere.

La vita non è uno scherzo.
Prendila sul serio
ma sul serio a tal punto
che messo contro un muro, ad esempio, le mani legate,
o dentro un laboratorio
col camice bianco e grandi occhiali,
tu muoia affinché vivano gli uomini gli uomini
di cui non conoscerai la faccia,
e morrai sapendo
che nulla è più bello, più vero della vita.

Prendila sul serio
ma sul serio a tal punto
che a settant'anni, ad esempio, pianterai degli ulivi
non perché restino ai tuoi figli
ma perché non crederai alla morte
pur temendola,
e la vita peserà di più sulla bilancia.

Nazim Hikmet Ran
è stato un poeta turco, naturalizzato polacco, nato a Salonicco il 20 novembre 1902 e morto a Mosca il 3 giugno 1963.

2 commenti:

  1. mi sono imbattuta in Hikmet per caso...qualche mese fa in internet...lo trovo incredibile...parla alla mia anima... mi piace tanto Nazim Hikmet, e' diventato il mio poeta preferito… ed ho pensato che la sua poesia fara' riflettere una persona che conosco… ha una visione egoistica della vita…

    RispondiElimina
  2. credo che la "ricerca di senso" non possa fare a meno di un'apertura verso gli altri...in fondo la malinconia è legata anche ad un senso di solitudine, di separatezza....e nei tempi che stiamo vivendo è diventata (solitudine e separatezza, per non dire estraneità), quasi pane quotidiano.....

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge