9 febbraio 2010

ANTONIO RAGONE: MALINCONIA

Guardare oltre la malinconia è come alzare lo sguardo al di là di un muro di cemento, è guardare acutamente verso l’orizzonte dove forse finisce il mondo, è arrampicarsi sulla montagna rocciosa della vita a mani nude. E pensare allora che nulla ci sia oltre la malinconia, per immaginare, ancora più oltre, appigli anche solo apparentemente resistenti e sicuri, immaginare il vento insistente che ci porta via, ci conduce nella vita che prosegue mentre continuiamo ad arrampicarci. La malinconia, citando una frase baudelairiana, è sempre un sentimento inseparabile dal bello.

La malinconia, quando ci assale, ci proietta tutta la nostra vita, le nostre lontane speranze disilluse, le attese dell’adolescenza.

Ho frugato nei cassetti della mia memoria, ho trovato questa poesia scritta in quegli anni acerbi , mai pubblicata, è una poesia degli anni in cui andavo sperimentando la Poesia stessa, l’ho ritenuta non degna di renderla nota, o forse chissà, ho voluta tenerla nascosta per sentirla solo mia, intima gelosia. Ora la denudo sul blog della mia vita, sorprendendomi io stesso di come in quella mia età acerba già si pensi alle cose perdute.



MALINCONIA


Spesso la notte, quando tarda l’ora,

ancora mi ritrova insonnolente

nel tempo addormentato e la canora

estate, a me nel giorno indifferente.


Guardar la mosca appesa a una bottiglia

vuota, e la fiamma di candela pia,

e riscoprire a un tratto, o meraviglia,

che troppe cose ho perso per la via.


Luglio riposa e il bel paese tace

in questa notte piena di frescura,

parlare al cuore che non trova pace

e raccontarlo a un ragno, che paura


del giorno costringe a girovagare

al buio sulla sbiancata parete

di tant’anni, e in un tratto ricordare

quando acqua non c’era e c’era sete.


Ho perso tutto innocentemente,

non resta che lo sfogo alla poesia

di chi farebbe tanto e non può niente,

e il primo cane abbaia nella via.


Antonio Ragone


4 commenti:

  1. Grazie,Antonio,e complimenti per averci regalato questa bella poesia da te composta in età giovanile :essa descrive efficacemente la tristezza che si impossessa del nostro animo non appena prendiamo in considerazione il trascorrere del tempo,il rimpianto per le cose ormai perdute.
    Significativa è l'immagine del ragno,il quale durante la notte vaga sulla parete ed ha PAURA DEL GIORNO.
    Suggestiva la foto che ritrae il mare in tempesta,simbolo,ancora una volta,dell'animo umano sempre tormentato.

    RispondiElimina
  2. ....mi sono nutrita per anni e anni di malinconia, per non dire anche di tristezza....poi ho cominciato a guardare le cose da un punto di vista nuovo...ho visto l'inevitabile perdere qualcosa, come l'acquisire qualcosa di nuovo....la vita toglie, ma la vita dà...perdiamo l'innocenza, ma possiamo acquistare saggezza....vita e morte non sono separate, ma strettamente unite dalla trasformazione....in fondo la tua "malinconia" giovanile può vedersi anche come la tua anima in cammino, alla ricerca di ciò che le appartiene, oltre il velo del quotidiano....E' questo che volevo dire con il mio post....

    RispondiElimina
  3. Mariaconcetta8 maggio 2013 11:28

    Per chi scava dentro la malinconia è quella “rete” d’appartenenza che salva dal Nulla.
    E’ taumaturgica.
    Io so bene che è complicatissimo vedere chiaro dove tutto è a tinte fosche, quando la vita sembra averci regalato solo coriandoli di luce…


    Maria

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge