17 marzo 2010

ANGIOLETTA FACCINI: SEI POESIE



Verrà la morte… leggetemi poesie

Leggetemi…

Quando sarà il mio trapasso
al valico del lungo sonno
leggetemi Neruda
leggetemi Prevêrt
leggetemi.....
leggetemi una delle mie poesie!

Al cospetto degli Dei
vorrò avere con me
tutto questo
perché io riveda la mia creatura
il mio spirito con mani tese
e cuore aperto
porterà in dono
l'amore cantato sui fogli di carta

28 maggio 2009


Madre-mamma, parla del mio difficile rapporto con la mamma fino alla morte del mio unico figlio.


Madre – Mamma

Madre – Mamma
Che differenza fa?

Madre, colei che è sul piedistallo
lontana senza essere arcana
Mamma, il cuore infinito
stacchi il cordone ombelicale
e lo tieni in serbo per l’amore
dei tuoi figli
per ogni momento

Mamma o Madre?
nulla quasi è dato a rivelarsi
nella preferenza d’un figlio

per l’amaro ingoiato
il dolore sconfessato
e non accettato quando
un figlio cerca la morte
rifugge dalla quotidiana commiserazione

invecchiando ora
la salute malferma
accorre a te anche il figlio  incompreso
quasi a dimenticare le umiliazioni del passato


16 marzo 2010


"Ti ricordi Amore?" è l'amore vissuto non solo fisico, ma in ogni forma e abbandonato o rinunciato in nome di...... "comodità" apparenti. 

Ti ricordi amore?

Ti ricordi amore?
il tempo vissuto

Ti ricordi amore?
il nostro amore dirompente, forte,
vivo, coinvolgente?
ancora prima di essere amore
era già amore

Ti ricordi amore?
I nostri abbracci stretti stretti
il pensare insieme
e ricordi i progetti?

Ricordi la gioia
d'un regalo
d'un mazzo di fiori
per dirci più di quanto le parole potessero dire?

E ricordi?
le passeggiate a Milano
regalando al sole le ore più belle?

I giorni, i mesi e gli anni
ci seguirono mai stanchi
mai annoiati
sconfinava la nostra vita
nello  spazio  infinito

Ma l'amore
voleva la luce del sole, voleva 
uscire dall'ombra
e reclamava la sua parte

Il far l'amore divenne un dolore
lo spasimo di noi amanti

Forse non ci apparteneva questo amore
lo ricordi amore?



Angioletta Faccini
 

3 commenti:

  1. Queste sono poesie profonde, intense. Molto belle “Leggetemi…” addolcisce il senso della morte che tra l’altro fa parte della vita. Complimenti e grazie.

    RispondiElimina
  2. Tutte belle, Angioletta, profonde, complimenti.

    RispondiElimina
  3. Grazie ancora.
    Con queste a parte "Ti ricordi Amore?" che è stata inserita in un cd, recitata con sottofondo musicale, partedciperò ad un nuovo cojncorso e...... Vi farò saspere.

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge