6 giugno 2010

ANTONIO RAGONE: "Il PIÙ BEL RISO" DI GUIDO EDOARDO MOTTINI.


Guido Edoardo Mottini nacque in provincia di Aosta nel 1884 e morì nel 1934. Scrittore , poeta, critico d’arte, giornalista e saggista, quasi sconosciuto e del tutto dimenticato, scrisse meravigliosi racconti sulla vita di grandi musicisti e pittori. Ci ha lasciato una voluminosa “Storia dell’Arte” e numerosi libri per ragazzi. Altre opere notevole sono La leggenda di Sigfrido, Dal libro di Dio: episodi biblici, e il profilo che scrisse sulla vita e la musica di Ludwig van Beethoven. Di questo grande "dimenticato" propongo la poesia "Il più bel riso".


Il bimbetto è molto misero davvero: non ha casa, non ha scarpe, raramente forse riesce a sfamarsi. Cade sulla strada e la ghiaia gli spella le manine. Ma non piange: anzi, ride. È un ometto pieno di coraggio. Affronta già così piccolo la difficile vita, che per lui si presente molto dura, con un sorriso pieno di innocenza e di speranza. Combatte con codesto sorriso le salite e le ricadute che lo aspettano. È la vita!


Il PIÙ BEL RISO
 

Il più bel riso l'ho veduto ieri
sbocciar raggiante sul visetto sporco
d'un monelluccio figlio di randagi,
con la camicia fuor dei calzoncini,
la calza a strappi e un piede nudo.

Nel traversar la strada irta di ghiaia
il piccolo cascò. Si rialzò.
Si rimise nel piede la ciabatta.
Si guardò le manine un po' sbucciate.
Si guardò intorno... e vide solo me.

E, per farmi capir ch'era gagliardo
mi rise in faccia un riso così bello,
così pien di coraggio e d'innocenza,
che quel riso divino si confuse
con l'oro del tramonto e il blu del mare.

Guido Edoardo Mottini

10 commenti:

  1. ....molto bella!

    RispondiElimina
  2. E' delicatissima questa poesia,la quale tratteggia molto bene l'immagine del bimbo abituato ad affrontare con coraggio e con il sorriso la vita difficile che lui è costretto a condurre e che gli ha fortificato il carattere.

    RispondiElimina
  3. Fu recitata da me all'esame di quinta elementare e mi piacque cosi tanto che non l'ho mai scordata!!

    RispondiElimina
  4. Anch'io sono affezionato a questa poesia e al libro Cervino,dal quale l'ho tratta, un libro altamente didattico e bellissimo in tutto.

    Grazie per la visita, mi ha fatto molto piacere!

    RispondiElimina
  5. Mia mamma la imparò a scuola nel 1954 e prese un bel 10!Da piccola la recitava a me e l'ha insegnata a mia figlia che, dopo tanti anni, l'ha riportata in un'aula scolastica, avendola usata per realizzare un cartellone sulle poesie dei nonni. Bellissima! Alessandra

    RispondiElimina
  6. Grazie Alessandra per la visita.
    Anch'io sono convinto che si tratta di una poesia bellissima, e sono felice che sia stata riportata nelle aule scolastiche, questo fa onore alla buona poesia.

    RispondiElimina
  7. elsatucci@hotmail.com3 ottobre 2014 01:46

    Bellissima, bellissima poesia, l´ho imparata quando studiavo la lingua italiana e non l´ho mai scordata. Molte grazie por averla trovato qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Elsa Tucci per il gradito commento.

      Elimina
  8. Salvatore De Cagna22 febbraio 2015 11:21

    Gentilissimo signor Ragone,

    sono il signor Salvatore De Cagna di Gallarate Provincia di Varese,
    se non vado errato due anni fà le avevo inviato una e-mail per avere notizie riguardante
    la poesia "Il più bel riso", del poeta Guido Edoardo Mottini, le avevo gentilmente
    chiesto se per case fosse a conoscenza di un libro di raccolta dove fosse
    presente la citata posia. Cortesemente mi aveva risposto che probabilmente
    aveva scritto solamente quella. Ora la disturbo per informarla che effettivamente
    esiste una raccolta dal titolo <>, il libro è introvabile,
    le poesie contenute si possono leggere on line,in formati diversi, nel sito:
    https://archive.org/details/rosenelpruneto1900mott
    spero di averle fatta cosa gradita nel frattempo le porgo i più cordiali saluti.
    salvatore de cagna

    p.s.

    da notare egregio signor Ragone che la poesia inizia con:
    1^ strofa (non completa): Il più bel riso non l'ha fatto già la mia placida mamma a me fanciullo.....
    2^ strofa inizia con:Il più bel riso l'ho veduto ieri
    sbocciar raggiante sul visetto sporco<>

    RispondiElimina
  9. È sublime..quanti ricordi..

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge