13 luglio 2010

ANGIOLETTA FACCINI: E INTANTO L'AURORA...


Come un clandestino lascio sulla tua porta questi brevi versi, ch'è molto presto ancora.

E intanto l'aurora affievolisce la malinconia…

 


Anche questi sono versi scritti durante il coma di mio figlio...


Non osar
 
Non osar bussare alla mia porta
se gli Dei non chiedono
non osar  portar  pianto
se colui che veglia l'Aldilà
non schiude la sua dimora
e non osar passarmi accanto
se il manto della Grande Dea l’avvolge ancora

31 agosto 2004

© Angioletta Faccini

3 commenti:

  1. Quando la notte sta per schiudere le sue porte al giorno, forse è il momento che la malinconia svigorisce il tempo dei ricordi perenni. Anche se il giorno nasce, oltre la malinconia, dentro noi qualcosa muore. Bellissima, Angioletta, d’una poetica toccante e sempre viva, come la morte!

    RispondiElimina
  2. Il dolore di una madre,ah come comprendo condividento questo medesimo dolore. Io non so descrivere in versi queste sensazioni di sofferenza, c'è chi lo fa per me . Grazie.

    RispondiElimina
  3. Grazie col cuore e di cuore!

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge