1 gennaio 2011

ANTONIO RAGONE: FINALE D’ANNO 2010.

 


È questo un periodo di freddo intenso. C’è stata la nevicata di pochi giorni fa, il gelo, le piogge scroscianti e gli impetuosi venti. La festa del Natale. Un nuovo numero sul calendario.
I pensieri scuotono l’animo e allora può venir fuori una poesia.
Allora può capitare anche di cogliere un segno di speranza che raramente, lo ammetto, è presente nelle mie poesie.
Ma, lo so benissimo, la speranza è l'unico sentimento essenziale, mai perderla!
Queste festività, così dolci e inclini alla nostalgia, sono come scadenza per far i conti della nostra vita, stendere una partita doppia, dare e avere, profitti e perdite.
È così, la neve e il gelo di questi giorni ci portano il profumo del tempo, i ricordi familiari, degli amici degli anni primi. Il mio mare, silenzioso e gelido, ci teneva compagnia.
Da anni io vivo altrove, il tempo avanza, e ho capito che non c’è nulla di più “replicato” del mondo che gira sempre su se stesso, le quattro stagioni ci fanno riflettere e fanno dell’universo il magnifico pittore.
Nell’universo  forse nulla muta se non i nostri sentimenti, il nostro sentirci mai uguali di fronte al mutamento delle stagioni, di questa neve di oggi e dei fiori sui campi di domani.
In  fondo gli anni non sono che numeri che gli uomini si son dati per organizzare l’esistenza, si tratta solo di un proseguimento.
Ma sono numeri “pesanti” che segnano il nostro tempo, quel poco che basta per riflettere sui nostri dolori e le effimere gioie. È il mondo che ogni volta ci ripropone i suoi giri, ed ogni volta i nostri sentimenti hanno atteggiamenti diversi nei confronti di questo replicarsi.
È la decorazione musiva dell’esistenza.



FINALE D’ANNO 2010

La voce delle piogge non è mutata
mentre un anno si perde fra le nebbie
d’un persistente passionale inverno.

Il soffio di questa prima neve è gelo
che smorza le parole già nel cuore,
abbandona prati e alberi come muti armenti,
schegge di pallore stremano gli occhi.

Meglio dischiudere lo sguardo senza meraviglia
un altro Natale è passato, è solo nostalgia,
mentre già s’aprono nei miei pensieri,  
le porte d’un anno, un nuovo numero a venire.

E mi domando se codesto gemito potente e silenzioso
potrà mai essere acqua viva per una nuova primavera.

 29 dicembre 2010

©  Antonio Ragone

15 commenti:

  1. Maria Pia Monicelli1 gennaio 2011 06:46

    Il dubbio è umano come il tirar le somme oltre il disincanto.Grazie e BUON ANNO!!!!

    RispondiElimina
  2. bei versi, molto lineari e profondi...speriamo sia un buon anno questo che si appresta ad arrivare...ciao.
    Antonio

    RispondiElimina
  3. Mariella Mulas1 gennaio 2011 06:48

    Antoniooo, magico mio Poeta, bellissimo il tuo spiegare come il cuore avverte il tempo che passa! E mi conforta la tua naturalezza, schiva mente che non si sofferma solo in rimpianti o nostalgie... si sa sono parte di noi... ma il chiedersi... sarà possibile ritrovare primavere? Forse sì... primavere esistono di quei pensieri che non hanno età!
    Adorato Antonio ti ringrazio con sincero entusiasmo per i tuoi commenti sui miei tags, sono capolavori della tua anima che sa donare solo gioia!
    Ti abbraccio e ti auguro un fantasmagorico Capodanno! Sii solo felice! Ciao!

    RispondiElimina
  4. Annalisa Parrini1 gennaio 2011 06:48

    Grazie Antonio!!!! molto bella la Poesia, strutturata, di piacevole lettura; ma si legge tra le righe un sentimento profondo sensazioni universali ..il finale con una speranza.. ti abbraccio. Annalisa

    RispondiElimina
  5. Carissimo Antonio, hai raccolto tra le mani, tremolanti e intenerite foglioline che già fanno capolino per apririsi a primavera. Sono scadenze quelle delle feste che ci portano forzatamente a mettere delle date e a fare certi conti con il... tempo che passa. Io ho avvertito nella tua riflessione pacata una contentezza e una carica vitale degna di un grande animo poetico come il tuo. La domanda finale è un'affermazione giacchè senti forte e impetuoso nel cuore, l'limpulso della vita...AUGURISSIMI e grazie per questi versi in cui mi ritrovo.

    RispondiElimina
  6. Barbara Bracci1 gennaio 2011 06:50

    Che bella, grazie! Stavo proprio pensando al gelo, e alla primavera. E stavo sentendo la nostalgia. Una poesia dal sapore inatteso e provvidenziale. I miei auguri!

    RispondiElimina
  7. Leone Nicolina1 gennaio 2011 06:51

    Molto bella carissimo Antonio. Grazie e BUON ANNO!!!

    RispondiElimina
  8. Bellissima lirica, espressione poetica del mutare delle stagioni. Nel cuor la dolce attesa di una nuova, viva primavera.
    Ancora tanti auguri ♥

    RispondiElimina
  9. Paolo Staglianò1 gennaio 2011 06:53

    Il replcato ciclo delle stagioni , il circolo di un tempo che si chiude è "finta" dentro il tempo , che nulla concede , se non il miraggio effimero del sogno , e nel già accaduto cerchiamo di ritrovare il bandolo di un senso...sotto il gelo che ogni landa copre , germogliano i semi della primavera e la canicola di cocenti estati, così il tempo esperto pittore , disegna l'orizzonte che il poeta sogna ... sublime tentativo dei versi di ritrovarsi in un mondo spiegato ! Grazie Antonio , grande amico e poeta.

    RispondiElimina
  10. Grazie caro Antonio, certo "La voce delle piogge non è mutata" per quello la domanda finale, cosi la ho sentito, bravissimo poeta. Semnpre è un grande piacere leggerti, un abbraccio amico e Buon Anno! con tutta la mia stima sempre, Ana

    RispondiElimina
  11. Daniela Cattani Rusich1 gennaio 2011 06:54

    ‎"un nuovo numero a venire"... già!
    Ma quel piccolo grande dolore, quel gemito gentile sarà fiore, a primavera... Bellissima :-)
    Un abbraccio!*

    RispondiElimina
  12. Mariaconcetta Lo Re1 gennaio 2011 06:55

    E' il cerchio che si chiude e si riapre .
    Con certezze, dubbi e velleità.
    Ma la vita é fatta di mille frammenti,
    piccole tessere colorate e ingrigite che compongono il mosaico più bello che c'é.
    L' esistenza.
    ...Grazie Antonio

    RispondiElimina
  13. Sì Antonio...può sempre venir fuori una poesia da un cuore sensibile, grazie per questa meraviglia, un saluto e auguri !

    RispondiElimina
  14. Antonietta Terracciano1 gennaio 2011 07:02

    grazie per questa bellissima poesia...auguriiiii!

    RispondiElimina
  15. Bella, sottile questa tua nuova poesia!
    Eh si, occorre un animo poeta per cogliere il rumore ed il sapore dello scorrere del Tempo.

    Grazie Antonio e Buon Anno!

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge