22 febbraio 2011

IL VELIERO IN ATTESA SUL MARE DELLA VITA.

Cercavo sperando di trovare, ma forse non ho trovato alcuna soluzione dei problemi posti all’attenzione dei sentimenti. Credevo nella vita come in una speciale conservazione del mio animo, puro come nato, delicato fiore. Poi reciso dalle evidenze delle attese - le attese, il peggiore dei mali - quella più grande, l’essenza della vita, il disinganno riscontrato davanti a tante porte chiuse, oh, la vita ne ha tante! E non basta la maturità degli anni passati come macigni sulle nostre spalle e la ragione per aiutarci a definire la composizione d’un cerchio che non torna. Che non sia la morte!
Il tempo è luogo di mistero, aleatorio e ingannevole, implacabile nemico d’ogni creatura, incerto e rischioso come una fiera selvatica e crudele che fa finta di dormire. Il suo scorrere non lo percepiamo, esso resta in agguato tra le maglie intricate della vita, c’inganna, sembra non passare mai; ma quando ci rivolgiamo indietro scorgiamo che altro tempo, lento e tempestivo, è passato come indifferente battito d’ali. La vita fin qui vissuta sembra solo aver dato amori trascurati forse per troppa buona viltà, una difesa per riscaldare la nostra malinconia contro il gelo notturno. C’è tanto freddo che s’avverte nell’avanzare degli anni e del fluire del tempo, la vita non è che un insieme di ceneri che si dissolvono al vento, ma resta lo scorrere perenne del fiume. C’è amarezza, delusione e sconforto. Ma non è forse questa la vita che ci pone spesso di fronte alla cattiveria umana? La vita va vissuta, non sopravvissuta. Ma sempre costretti ci troviamo ogni giorno a sopravvivere, contando intorno a noi una miriade d’assenze. Sulle pacate onde d’un notturno mare attende il veliero che ci porti alla ricerca della nostra isola nascosta. Viaggiare, non fermarsi, un fiume non si ferma mai, nemmeno di fronte alle rocce dei monti, scivola via verso il fondersi col mare in un appagato amplesso d’amore.
Antonio Ragone

2 commenti:

  1. girolamo bolzoni23 febbraio 2011 11:41

    Da Ulisse in poi il viaggio per mare nell'immaginario letterario ed artistico si raffigura come prosecuzione e approfondimento del viaggio della vita. Il viaggio per mare ha molto influito nella storia umana, particolarmente adoperato nelle attività commerciali, ma anche durante le guerre come nel caso di Troia. Fin dalle fasi iniziali della sua storia l'uomo ha attribuito al viaggio per mare un particolare significato metafisico, fino a considerarlo un legame con l'altro mondo. Già nei poemi omerici questi due aspetti del viaggio per mare sono ben evidenti.
    E tu, Antonio, ben rappresenti nella tua opera letteraria questi temi quale naturale continuatore di questo artifizio culturale, utilizzato anche da scrittori e poeti di ogni epoca e pur del novecento.
    In te io evidenzio un legame strettissimo tra i tuoi sentimenti e i tuoi scritti, dove la metafora si fa simbiosi; ed è questa una tua personale peculiarità. A presto rivederci.

    RispondiElimina
  2. Hai toccato l'essenza della vita, come sempre sei riuscito a comunicare grandi verità che condivido pienamente!

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge