20 aprile 2011

L'ORTO DEGLI ULIVI: IL GETSEMANI DELLA VITA.


Due liriche delle venti che sono nella prima parte del libro, la seconda parte è un saggio critico sull'esperienza  inesplicabile della sofferenza umana.


“La Passione di Cristo non è avulsa dagli uomini, anch’essi ne sono coinvolti. 
Gli apostoli rappresentano la sofferenza e l'inquietudine dell'umanità".






III

Sotto gli ulivi dormiamo noi apostoli,
Gesù nell’ombra in angoscioso pianto.
Giuda, cos’hai nel cuore, qual tormento,
compagno nostro, Giuda traditore,
tu con un bacio, amico, lo tradisci;
eppur con noi, tra noi, sperimentasti
medesimi sentieri faticosi.
Soffre il tuo cuore la confusa legge
di ciò che non sappiamo giusto o ingiusto,
l’atroce tarlo della solitudine
che disperata logora ogni mente,
l’eterno conflitto che ci strugge.

IV

E tutti siam scappati nella notte,
fuggiti trepidanti tra le piante,
provando la paura, amante nostra.
Ciascuno fugge verso il suo paese
tra leoni che cacciano le prede,         
palpitando in un battito di ali,
la pena di vivere si fa dura.
Mistero d’un dolore inesplicabile,
o questa nostra carne così debole
così confusa dentro la ragione.
Ora, ci copra la notte, nasconda
i nostri volti, e ci dia rifugio.

Antonio Ragone

15 commenti:

  1. Maria Pia Monicelli20 aprile 2011 08:24

    Che meraviglia. Stringe il cuore. Grazie Antonio,amico caro. Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Mariella Mulas20 aprile 2011 08:25

    Questo scritto di sensazioni ben spiegano la sofferenza del cuore quando si perde... e solo diventarne consapevoli rende il passo più agevole nel ritrovare la giusta via! Adorato Antonio sei luce!

    RispondiElimina
  3. Carissimo Antonio, questi due passi sono molto intesi. Colmi di sofferenza, di coinvolgimento, di riflessione. Nessuno è esente da questo passaggio... un dolore sordo, colpisce, trafigge ogni cuore per poi ritrovare la luce. Molto belli!

    RispondiElimina
  4. Giulia Maria Giardini20 aprile 2011 08:27

    GRAZIE DEL REGALO...MOLTO BELLA...

    RispondiElimina
  5. Mariaconcetta Lo Re20 aprile 2011 08:28

    Le paure non si sciolgono nella notte.
    E gli occhi e il viso di ogni Giuda impauriti e pallidi si gonfiano nel buionotte senza luna.
    E i fantasmi poi infestano il petto, lo lacerano. Nel silenzio Sublime non si sarà mai soli.
    Una carezza al cuore, mio immenso amico. ♥

    RispondiElimina
  6. Maria Lina Luraschi20 aprile 2011 08:29

    Grazie x questa forte emozione.

    RispondiElimina
  7. Caro Antonio, cosi al leggerti si rende più umana la paura, la sofferenza, la inquietudine, etc. Che dire, sei grande poeta, un abbraccio d'anima, Ana

    RispondiElimina
  8. Grazie Antonio... la tua è una vera testimonianza di fede ampliata da severe riflessioni sui punti cardini della vita.

    RispondiElimina
  9. Michele Prenna20 aprile 2011 08:31

    E' triste e solo
    sangue suda il Cristo
    i discepoli avvolti nel sonno.

    E' vero Uomo
    ...recalcitrante al Compito
    ricordato dall'Angelo.

    Ma è Figlio
    del Padre obbedisce il comando
    accetta consapevole il bacio.

    Giuda che l'ha tradito
    era necessario
    perché s'immolasse l'Agnello
    e il Peccato fosse lavato.

    una mia postilla in versi a commento dei tuoi magnifici. BUONA PASQUA!

    RispondiElimina
  10. Elviana Bidasio20 aprile 2011 08:33

    Grazie Antonio, la sofferenza descritta molto bene tocca l'anima e il cuore, sei molto sensibile e caro, grazie della tua testimonianza.

    RispondiElimina
  11. Di un rifugio che leghi la speranza al pianto e lo dissolva, di questo abbisognano in molti, grazie Antonio per la tua splendida poesia.

    RispondiElimina
  12. Nunzia Zambardi20 aprile 2011 08:35

    Antonio... molto sentite queste liriche... con l'avvicinarsi della Pasqua anche noi viviamo la Passione del Cristo... una volta ho fatto una mostra intitolata "LA PASSIONE " tutti volti del Cristo, espressioni di sofferenza per salvare l'umanità...

    RispondiElimina
  13. ‎..."Ora, ci copra la notte, nasconda i nostri volti, e ci dia rifugio." La notte, eterna consolatrice... madre, sorella che lenisce le ferite dell'animo e ci porta per mano verso il nuovo giorno... La notte... puo' essere lunghissima quan...do si trasforma in matrigna implacabile e ci tiene svegli a pensare, pensare, pensare... a cosa? Spesso a tutto e niente... Tutto è nel silenzio della notte... Bellissima lirica, un grande abbraccio, Antonio!

    RispondiElimina
  14. Gianfranco Pampo20 aprile 2011 08:38

    Molto gradita caro Antonio... complimenti.

    RispondiElimina
  15. Soltanto un animo sensibile come il tuo,Antonio,può addentrarsi in argomenti così delicati,come testimoniano queste emozionanti liriche che trattano della Passione di Cristo e dello smarrimento degli Apostoli,smarrimento che simboleggia il turbamento degli esseri umani nel contesto di gravi situazioni.

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge