8 dicembre 2011

SU PER I MONTI HO INCONTRATO UN CARRETTIERE.


Su per i monti andavo in cerca di silenzio, ho incontrato un carrettiere, i ricordi sono riaffiorati.
La tradizione natalizia dei miei ricordi è un quadro ormai superato, quando nelle gelide sere d’inverno vedevo trafficar legna da ardere disposta ad arte sui barrocci che i montanari della costa, col capo abbassato in segno di riposo - forse sognavano - riparati da un grande ombrello se pioveva, recavano ai paesi di mare. Oggi, quella legna che ancora viene usate per riscaldar le case, non la portano più i carrettieri, ma i camionisti, ai quali non è concesso di sognare lungo le strade sempre più pericolose. Allora la vita era più dura e più povera; più facile però era per gli uomini serbare l’anima fiduciosa e serena, contentarsi anche delle piccole cose, se addirittura poteva essere oggetto di sogno la gioia raccolta che offriva in un piccolo paese di mare una povera festa di Natale.
I ricordi turbano ancor più l’inquieto cuore, mi rivedo godere appieno di quelle semplici e pure gioie.

1 commento:

  1. Mariella Mulas8 dicembre 2011 12:03

    Come segno del tempo, il ricordo.... e costruisce l'emozione palpabile, tra righe, a impreziosire in parole ciò che la vita ha dato! Mio carissimo Antonio sai dipingere contesti di sorrisi rinnovati nel cuore dell'età! Un abbraccio d'affetto!

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge