20 agosto 2012

OLTRE IL FARO, DA “RIVERBERI VIETRESI”, ED. AKKUARIA 2012.

La cara amica poetessa Mariaconcetta Lo Re, mi ha sorpreso pubblicando su facebook questa mia poesia, tratta dal mio nuovo libro “Riverberi vietresi”, che l’altrettanto carissima amica poetessa argentina, Ana Caliyuri, ha tradotto in  spagnolo. Vi ringrazio di cuore, come ringrazio le amiche e gli amici che hanno lasciato il loro prezioso commento.



OLTRE IL FARO

Sapere dove andare quand’è sera
col vento che sospinge la mia vela
lungo il mare invernale che ruggisce;
è oltre il faro la rotta da seguire
per raggiungere un’isola lontana
dove la notte mi darà riparo?

Forse l’indomani sarà il grido del gabbiano,
maestoso e bianco fra due colori azzurri,
a scuotermi il tepore dalla mente.

Nell’alba che odora di salsedine
e di sbattuti scogli dalle onde,
ripartirà di nuovo la mia storia,
sublimerà del cuore ogni memoria.

Antonio Ragone, Poeta

Más allá del faro

¿Saber a dónde ir cuando es noche
con el viento que impulsa mi vela
a lo largo del mar invernal que ruge;
y más allá del faro el rumbo a seguir
para alcanzar una isla lejana
donde la noche me dará refugio?

Tal vez al día siguiente vendrá el grito de la gaviota,
majestuosa y blanca entre dos colores azules,
a despabilarme la mente.

El alba que huele a sal
y a agitados escollos de las olas,
reiniciará de nuevo mi historia,
sublimará del corazón cada memoria.

Trasposiciòn en lengua española de Ana Caliyuri

17 commenti:

  1. Mariaconcetta Lo Re20 agosto 2012 11:56

    La grammatica dell’Anima.
    La grammatica della Poesia.
    Orgoglio e vanto essere Tua Amica .
    Amo il Tuo cuore Poeta.
    Maria

    RispondiElimina
  2. complimenti

    RispondiElimina
  3. Gaetano Fraioli20 agosto 2012 11:58


    La poesia.. è Sapienza..
    ...
    "La sapienza si lascia trovare da quelli che la cercano."
    Sap 6,12-16
    "La sapienza è splendida e non sfiorisce,
    facilmente si lascia vedere da coloro che la amano
    e si lascia trovare da quelli che la cercano.
    Nel farsi conoscere previene coloro che la desiderano.
    Chi si alza di buon mattino per cercarla non si
    affaticherà,
    la troverà seduta alla sua porta.
    Riflettere su di lei, infatti, è intelligenza perfetta,
    chi veglia a causa sua sarà presto senza affanni;
    poiché lei stessa va in cerca di quelli che sono degni di
    lei,
    appare loro benevola per le strade
    e in ogni progetto va loro incontro."

    RispondiElimina
  4. Leopoldo Costabile20 agosto 2012 11:59


    Tempestoso sarà sempre il mar di un nuovo viaggio, a
    guisa di un affronto a una conquista. Non vi sarà mai la
    quiete su un approdo, ma una sfida sempre nuova e più
    acuta che assomma nuovi rischi ad una posta. Quanto
    più affermato è il nost
    ro senno dovizioso, tanto maggiore si annuncia altro
    dispendio.
    E' una lirica stupenda questa di Antonio Ragone, tanto
    simile ad un'altra che ho di recente commentato e
    condiviso. Qui si aggiunge quella deliziosa immagine
    del "gabbiano" che sembra recar tregua ad una
    tempesta, quasi un generoso appoggio di conforto alla
    speranza.
    Grazie Mariaconcetta Lo Re

    RispondiElimina
  5. Mariella Pelagalli20 agosto 2012 12:01


    ...quello che resta dopo un'attenta profonda lettura di
    questi intensi splendidi versi è un senso che
    trascende"metafisicamente"i confini dell'esistenza.Una
    tempesta nel mar della vita dentro un vento che agita
    forte l'"essere"...ne scuote
    il petto,la mente per donare infine dolce "sinfonia" di
    vita!Lirica sublime che lascia intravedere un pensiero
    inquieto ma pulito, non corrotto dal passar delle
    stagioni,dal passar delle tempeste di mare!!!Grazie per
    la bellezza di cui ci hai fatto dono carissima
    Mariaconcetta,grazie per l'omaggio che fai al nostro
    carissimo Amico Antonio Ragone,alla bellezza
    dell'immagine che accompagna quest'incanto...Lascio
    qui una dolce tenera carezza per Lui e per Te...entrambi
    cari al mio cuore,presiosi Amici, entrambi elevati
    Poeti...GRAZIE!

    RispondiElimina
  6. Martha Vaccari20 agosto 2012 12:03



    bellissima immagine! un faro in mezzo
    alla tempesta! peró é lí....con il suo raggio di luce
    guiderá sempre tutti gli esseri che nel buio profondo de
    la notte.... lo cerchino......!

    RispondiElimina

  7. Grazie Mariaconcetta Lo Re per avicinare alla mia
    anima questa poesia del caro poeta Antonio Ragone, la
    ho tradotto al spagnolo e aspetto di avere capito il
    senso. Un abbraccio poetessa e grazie sempre per amare
    la poesia.

    RispondiElimina
  8. Ho dimenticato di dire che è una
    bellissima lirica!!!

    RispondiElimina
  9. Antonio Ragone è sensibile poeta, spiccato
    artista che conosce bene i meandri dell'anima (forse
    conosce bene anche il patire!). Le sue odi non lasciano
    mai indifferenti i cultori dei versi. E' una delle persone
    più garbate, sincere ed eleganti che io abbia conosciuto
    su fb e del quale mi onoro di essergli amico. Grazie
    Maricò.

    RispondiElimina
  10. Mariaconcetta Lo Re20 agosto 2012 12:08

    Alessio caro il Tuo pensiero é il
    mio, é il nostro.

    RispondiElimina
  11. Mariella Pelagalli20 agosto 2012 12:09

    ...caro Alessio certo ben sai che mi
    unisco al pensiero della cara Mariaconcetta...un
    abbraccio a Voi Poeti sublimi,VERI.................

    RispondiElimina
  12. devo dire che hai avuto un ottimo pensiero
    nel fare questo omaggio al caro Antonio Ragone che io
    conosco da poco , ma che ho avuto l'onore di
    apprezzare, non solo come meritato scrittore ma penso
    come persona che si fa amare con molto facilita', e
    grazie a te per avermi dato modo di comunicarle quanto
    penso di lui senza retorica. Questi versi fluidi eleganti,
    un 'armonia in un concerto mi danno una carezza al
    cuore, un abbraccio.

    RispondiElimina
  13. Antonio Lettera20 agosto 2012 12:13

    Oltre il faro il mare si può solo
    immaginare; al di là della luce c'è il buio che accoglie
    l'immaginazione e i paesi incantati. Non si vuole la rotta
    che il faro ci impone, la nostra vela vuole il vento
    vergine e la terra che ci avevano e che ci avevamo
    promessi. Intanto lo sciabordare delle onde reca
    profumi di lontananze e di ieri non vissuti. Grazie
    Mariaconcetta...Grazie Antonio per questi versi

    RispondiElimina
  14. Adriana Scanferla20 agosto 2012 12:13

    ripartirà di nuovo la mia storia. Mi
    piace, profuma di mare e di libertà!

    RispondiElimina
  15. Raffaella Barbacini20 agosto 2012 12:14

    lasciarsi andare oltre il faro.....farà
    ripartire di nuovo la mia storia,
    sublimerà del cuore ogni memoria..... bellissimi versi
    Antonio Ragone che come noto con molto piacere sei
    apprezzato da tutti non solo come poeta ma come
    persona amabile e delicata, un abbraccio speciale
    all'amica Mariaconcetta Lo Re che con il cuore grande
    che la contraddistingue ha reso omaggio all'amico poeta
    .....che brilla per umiltà e discrezione

    RispondiElimina
  16. Giovanni Cesario20 agosto 2012 12:16

    Antonio, l'incipit di un poema...che non saprei
    riempire in pochi anni

    RispondiElimina
  17. Sublimi ed intrisi di malinconia i versi della tua bella lirica,caro Antonio.
    Suggestivi sono sia la figura riposante dei bianchi gabbiani,sia l'immagine del faro che illumina ogni cosa ed al di là del quale ci si augura di trovare il giusto approdo,lontano dal mondo frenetico e superficiale che ci circonda.
    Complimenti,amico mio,e grazie per averci regalato nuovamente una delle tante perle della tua attività poetica!

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge