11 gennaio 2013

È UN MONDO IN BIANCO E NERO.



E come chiedere ai poeti di cantare con parole di conforto o di speranza in un mondo dove tutto s’è perduto? Il poeta non è unguento che risana le ferite, né può gridare al mondo una gioia che non esiste. Ah, il turbamento, questo sentimento assillante che fa star male mente e cuore e i poeti attanaglia in un ginepraio di confusioni. Io osservo l’atmosfera suggestiva e tragica di questo mondo e la sento mia, perché così d’intorno io vedo il disordine che mi circonda, la disperata ricerca d’un varco che al mistero s’apra. Cercare, cercare e non trovare; chiedersi perché, perché e non sapere; ci fa vivere in un ambiente surreale e senza sbocchi come questo mondo in bianco e nero, senza più colori, avvolto nell’ombra dell’Assenza. Oggi è il pensiero che è malato d’un virus che gli si rivolta contro, l’uomo s’è infettato da sé. Solo amici di sentimenti sono balsamo che acquieta il bruciore delle ferite.

6 commenti:

  1. Mariaconcetta Lo Re11 gennaio 2013 19:07

    L’inquietudine, che si indossa con dignità,
    é come una camicia che ti abbraccia,
    una sciarpa che prosciuga il respiro.
    Il silenzio che piega mentre fingi sia nulla.

    Mariaconcetta

    RispondiElimina

  2. Certo, l'atmosfera suggestiva che ci circonda ...dà l'ispirazione a creare...

    RispondiElimina
  3. Mi piace il modo come che scrivi... sia essa poesia racconto o altro! Molto piacevole!

    RispondiElimina
  4. Le tue parole riempono il cuore, la mente, l'anima, grazie!
    sonja radaelli

    RispondiElimina
  5. E' vero,caro Antonio.
    In un mondo che sta andando alla deriva soltanto i veri amici ci confortano e ci aiutano a superare l'amarezza che alberga nella nostra anima quando constatiamo lo sfacelo che esiste intorno a noi.
    Dalle riflessioni di un poeta sensibile come te si intuisce l'anima di chi le scrive.
    Soltanto chi riesce a leggerle potrà coglierne l'essenza.

    RispondiElimina
  6. rosaria magnisi12 gennaio 2013 10:49


    Quando attorno a te senti un acre odore di terra bruciata....il tuo core rimane attonito e impietrito per l'indifferenza di colui che tace.....
    Ciao caro Antonio nella tua prosa ho sentito la tua anima affranta!!!!
    Complimenti per il tuo modo di esprimerti!!! :)
    Bona serata!!! :)

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge