15 novembre 2013

ALFONSO GATTO, PENSANDO A MIA MADRE.



La mamma era a Salerno, il Poeta era a Milano...
parole stupende, versi sublimi.


PENSANDO A MIA MADRE

Verrai quassù, ti porterò per mano
per una dolce tregua, in un inverno
che non conosci, ti dirò: « Milano
s'illumina di sera, nell'interno


delle sue case ha il vigile tepore
dove si parla piano ». Tu sorridi
da sempre in questo timido favore
d'avere intorno il tremolío dei nidi.

Alfonso Gatto

11 commenti:

  1. Mariaconcetta Lo Re15 novembre 2013 10:39

    Cosa c’è nel pensiero d’un figlio alla sua
    madre lontana?
    Pensiero, figlio, madre è un tutt’uno inscindibile.
    E’ Amore infinito.

    RispondiElimina
  2. Giovanni Cesario15 novembre 2013 10:40

    Nel contesto del silenzio................................
    nasce un sorriso ........nell'inaudibile "TREMOLIO DEI
    NIDI".......DOVE SI ASSESTA UNA FIGLIOLANZA FIDUCIOSA DEL
    MATERNO AFFETTO.

    RispondiElimina
  3. VIrginia De Angelis15 novembre 2013 10:41

    Io vi posso dire che c'è nel pensiero di una
    mamma,col figlio lontono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mamma è la cosa piu importante se la perdi muori letteralmente se ce l'hai con te sei un fiore che spunta ogni giorno

      Elimina
  4. Antonino Anzaldi15 novembre 2013 10:42

    Lo incrociavo ogni tanto; in via del Babuino, per lo più. Gli occhi d'un sognante e liquido azzurro...

    RispondiElimina
  5. Stefania Minnucci15 novembre 2013 10:43

    Una delicatissima descrizione - consolazione
    per la madre lontana perché sappia che il figlio in altri climi, in altre
    intime atmosfere non si sente infelice, bensì accolto ed integrato. E' il
    messaggio che recepisco...forse perché anche io ho un figlio lontano,
    lontanissimo e lui sempre mi consola dicendomi che nella sua nuova,
    forzosa patria sente di essere quasi a casa...a noi madri basta così
    poco...grazie, grazie Antonio.

    RispondiElimina
  6. Rosamaria Francucci15 novembre 2013 10:45

    una tenerezza filiale che da i brividi... e lei
    una mamma fortunata! Grazie Antonio, di queste meraviglie!

    RispondiElimina
  7. Adriana Scanferla15 novembre 2013 10:46

    Meraviglie dell' Amore!

    RispondiElimina
  8. Valerio Bongiorno15 novembre 2013 10:47

    Stupenda

    RispondiElimina
  9. Raffaella Barbacini15 novembre 2013 10:47

    Che meraviglia Antonio, versi così delicati,
    avvolti di grazia e dolcezza, grazie amico mio.

    RispondiElimina
  10. Anche se io,personalmente,non ho mai vissuto un'esperienza lavorativa lontana dai miei genitori,pur tuttavia questi versi commoventi scaldano il mio cuore.

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge