4 dicembre 2013

ALFONSO GATTO, DA "LA SPOSA BAMBINA".

Ricordo l’aria di quella sera. Era ormai una delle ultime sere all’aperto. Mia madre aveva freddo per i suoi pensieri e non aveva altro da dire ai figli; indicava loro, con le loro piccole mani, le stelle e ne diceva il nome. Le eravamo raccolti intorno. «È stata sempre così – ci diceva il nonno – si incanta per nulla, sogna come voi ad occhi aperti». 
Come il veliero continuamente rompeva le acque e s’allargava al mare.

Alfonso Gatto
(da “La sposa bambina” - I edizione Vallecchi, 1943 Firenze)

2 commenti:

  1. Agnese Di Venanzio4 dicembre 2013 11:32

    Quanta semplicità in quello sguardo verso il
    cielo stellato, della "sposa bambina" !... beata che ha incontrato
    quell'uomo tanto sensibile per averla compresa ed amata così
    sensibilmente , da perpetuarne il ricordo anche attraverso i figli .
    Grazie a te Prof.

    RispondiElimina
  2. Mariaconcetta Lo Re4 dicembre 2013 11:33

    Donna

    Diga di sbarramento per le tristezze
    Bacino che raccoglie fragilità
    Vaso per mestizie
    Coppa d’oro di vittorie
    Madre
    utero fecondo di ricchezze

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge