9 agosto 2014

ALFONSO GATTO, ALLA FINESTRA.



ALLA FINESTRA

Nel largo delle nuvole e del mare
lo scalpito arioso d’un cavallo,
il bambino rigira la pianola
obliato negli occhi come gli angeli.
Morire è una stagione, un’aria, un cielo.

Alfonso Gatto
(da La forza degli occhi, 1950-53)




Affacciarsi alla finestra è come vedere la vita e viverla tra il cielo nuvoloso e l’azzurro del mare. Lo scalpito d’un cavallo ne segna i battiti; e un bambino, con gli occhi perduti nell’immenso, l’accompagna con la nenia d’una pianola. Passeranno le stagioni e gli anni. Di questa vita resterà l’immenso spazio tra cielo e mare del nostro golfo, teso come in un abbraccio.

6 commenti:

  1. Mariella Mulas9 agosto 2014 15:19

    Già resterà la visione,... per altri occhi....e altri
    ancora... Ciao delizioso Antonio Ragone!!! Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Mariaconcetta Lo Re9 agosto 2014 15:20

    Poeta solitario Alfonso
    e dalla finestra
    tra alchimie di colori e forme
    alza la voce
    come di commiato
    come in un addio.

    RispondiElimina
  3. Agnese Di Venanzio9 agosto 2014 15:20

    Grazie Antonio , un saluto ed anche al
    tuo mare .

    RispondiElimina
  4. Suggestiva e dolcissima è questa riflessione del poeta,il quale,nell'affacciarsi alla finestra,rivede la sua splendida terra di origine,il suo mare che lui è sempre pronto a riabbracciare.

    RispondiElimina
  5. Caro Antonio,è bello soffermarsi su come tu abbia in comune con Alfonso Gatto la passione viscerale per la vostra terra natìa.
    Un saluto affettuoso da Anna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, sei molto cara. Un forte abbraccio.

      Elimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge