17 marzo 2015

UN SOGNO BUONO CHE S'AVVERI.


Sarà ancora una rada a raccogliere le sparute mie illusioni?
 
Fuori da ogni sogno vorrei un sogno buono che s’avveri.


© Antonio Ragone

5 commenti:

  1. Mariaconcetta Lo Re17 marzo 2015 15:47

    Il sogno che è bi_sogno di mari e cieli nuovi.
    Lì nel materno abbraccio di una rada
    il sale scioglierà i tormenti
    si spezzerà la cuspide del dolore
    il viaggio prossimo sarà il nuovo approdo
    l’eternità la dimora

    RispondiElimina
  2. Angela Natale17 marzo 2015 15:48

    Il tuo animo poetico è capace di trasformare la realtà in sogno
    continuo....

    RispondiElimina
  3. Agnese Di Venanzio17 marzo 2015 15:49

    I poeti sanno perpetuare la bellezza e tutto é danza, é
    festa . Peccato che ci sono i guasta feste che deturpano il mondo . Antonio,
    la magia della poesia fa trovare il buono ovunque . Restiamo poeti .

    RispondiElimina
  4. è il sogno del poeta che modella l'emozione del lettore, facendogli sognare in un istante le sue illusioni per poter vivere ancora la bellezza dei luoghi della sua memoria

    Sono molto colpito dalla bellezza dei tuoi versi!
    Un caro saluto
    Francesco

    RispondiElimina
  5. Speriamo che per ognuno di noi si avveri il sogno desiderato e finora non ancora realizzato.
    Ciao,Antonio,caro amico poeta, che ci regali sempre qualche emozione!

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge