3 agosto 2015

DA "FANCIULLO DEL GOLFO" IN RIVERBERI VIETRESI.




“Le nuvole c’erano ad inventare il cane 
poi pecore sparse nel ceruleo ovile 
e l’orso roccioso della costa d’Amalfi. 
Aveva i tuoi occhi l’irrequieto gabbiano 
al mare già regalavi la tua breve storia”. 


Antonio Ragone

(Da “Fanciullo del golfo” in Riverberi vietresi – Ed. Akkuaria 2012)

6 commenti:

  1. Mariella Mulas3 agosto 2015 10:24

    intimo poetico sublime!!! Ti abbraccio Antonio!!!

    RispondiElimina
  2. Mariaconcetta Lo Re3 agosto 2015 10:26

    Giochi negli occhi a cercar bellezza.
    Tra i Blu la Vita si dipanava colma.
    Tornano e nel cuore mai assenti.
    Ti voglio bene Anto'

    RispondiElimina
  3. Elviana Bidasio3 agosto 2015 10:27

    Grazie Antonio , la tua osservazione, con la sensibilità, arriva al cuore

    RispondiElimina
  4. Maria Pia Irma Ciccolini3 agosto 2015 10:28

    grazie......

    RispondiElimina
  5. Romilda Guaitini3 agosto 2015 10:30

    Antonio....sei proprio bravo...

    RispondiElimina
  6. un quadro poetico, con tratti ben definiti, ma delicatissimi nel tocco, fin dove l'anima vibra nei versi.
    Una dolcezza non solo d'artista ma d'amabile poeta.
    Un caro saluto

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge