25 maggio 2011

UNA CONSIDERAZIONE: MA DOVE SI PARLA LA LINGUA ITALIANA?

Che effetto fa agli italiani, incalliti anglofili, venire a conoscenza da fonte attendibile che nelle scuole d’Inghilterra non viene insegnata alcuna lingua straniera? Ormai il mondo parla inglese, una lingua pratica, forse, ma certamente non possiede l’ampio livello culturale delle lingue neolatine come l’italiano, il francese e lo spagnolo. Queste lingue hanno una storia importante, come la lingua greca, hanno civilizzato il mondo; ma oggi il mondo parla inglese, perché è una lingua dinamica ed efficiente, pur senza storia d’antica cultura, ma di vero, eccellenti autori di lingua inglese ci son tanti, e alcuni di essi letteralmente li ammiro: giusto a mo’ d’esempio, ne cito tre, James Joyce, Oscar Wilde, Edgar Allan Poe. Ma questo è un altro discorso. È che il mondo oggi va di corsa e deve parlare velocemente, senza rischiare d’inciampare su un congiuntivo pur se spesso vedo italiani distesi per terra che hanno inciampato sul congiuntivo. Le lingue neolatine e greca hanno dentro di sé una storia linguistica complessa e complicata, già, lo so, per un inglese studiare l’italiano è come farlo impazzire. In questi ultimi tempi un avvenimento mi ha consolato, ho conosciuto una donna che parlava perfettamente l’italiano, pensando che fosse italiana. Quando ho saputo che è russa, sono rimasto senza parole, anche se la lingua italiana ne ha tante, quanti sinonimi ci vengono in aiuto per evitare le ripetizioni, anche se a me queste non dispiacciono affatto, giacché facilitano la comprensione al lettore; a tal proposito si dia una lettura alla Bibbia, c’è qualcuno che afferma che dal punto di vista letterario sia il miglior libro mai scritto. Dicevo, sì, la ragazza russa, alla mia domanda “come mai parli così bene l’italiano?” ha risposto “l’ho imparata nelle scuole russe”. Allora in Russia viene insegnato l’italiano? Eh, sì, non siamo mica in quel Paese!
Ma dove si parla italiano? Ovviamente su tutto il territorio della Repubblica italiana, compresi i due stati interni, San Marino e la Città del Vaticano, quando non è previsto il latino. È parlato in alcuni cantoni della Svizzera, in Ticino e nei Grigioni, tanto che è una delle lingue ufficiali della Confederazione. L’italiano è parlato, o almeno è facile incontrare qualcuno che lo comprenda, nel Nizzardo e nel Principato di Monaco, in Istria e in alcune località della Dalmazia. È da considerare, poi, anche l’isola di Malta, dove l’italiano fu di casa per secoli, prima di essere soppiantato dall’inglese. Appunto!

(Antonio Ragone)

3 commenti:

  1. Edoardo Cillari26 maggio 2011 08:23

    Ottimo post, Antonio. Ti posso assicurare che nelle scuole russe le lingue straniere (e l'italiano in particolare) vengono studiate con tanto amore, e come esperienza personale, avendo conosciuto studenti di Belgrado e Zagabria nelle rispettive facoltà di lingue, sezione di italianistica, ti posso assicurare che il loro livello linguistico è, non rare volte, superiore ai nostri connazionali. Forse il fatto di studiare una cosa perché l'amano e non (come da noi) perché "si deve",(coi mesti risultati di un sempre crescente analfabetismo di ritorno specie nelle nuove generazioni) è decisivo per questa loro bravura nel parlare l'italiano. Edoardo

    RispondiElimina
  2. L'italiano è una lingua che ha tanta cultura, per questo va tutelata. Ma sembra che a molti la cosa non interessi puù di tanto. Ci sono invece delle realtà che fanno piacere, su facebook è stata fatta una pagina "in difesa del congiuntivo" con decine di migliaia di adesioni. Spero che coloro che hanno la responsabilità (giornalisti etc... ) abbiano cura di conservare questa nostra bella lingua. Grazie!

    RispondiElimina
  3. L'italiano è una lingua meravigliosa che trasuda di storia, trovo che il tuo post sia assolutamente interessante e utile, grazie Antonio,
    un sorriso Tiziana T.

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge