2 ottobre 2011

SONO UN INCONSAPEVOLE MARINAIO.




È conquista di vita
L’antica meta
Sono un inconsapevole
Marinaio

(Antonio Ragone)

24 commenti:

  1. Mariaconcetta Lo Re2 ottobre 2011 19:02

    Chi ha la barca a volte annaspa, a volte ...cavalca l'onda, in silenzio sottovoce, urlando, imprecando... tra i chiari e gli scuri della vita. E io sento montare dal basso, implacabile la marea, mi scuote con la prepotenza dell’andante. Assaporo spazi, luoghi, tempi. E tu issi le vele Odisseo. Approderai ad Itaca, la dimora. Sei splendido Antonio. Ti amo Poeta.

    RispondiElimina
  2. Maria Pia Monicelli2 ottobre 2011 19:03

    Meraviglioso percorso...!!!!

    RispondiElimina
  3. Annamaria Milazzo2 ottobre 2011 19:03

    ‎... forse bisognerebbe "marinare" di più! che dici? ciao antonio :))) -bella metafora!-

    RispondiElimina
  4. Antonella Santoro2 ottobre 2011 19:04

    Un'onda stupenda! Grazie

    RispondiElimina
  5. Navigante ....dall'occhio vigile,dalla parola mirata,dal cuore appassionato e dalla forza trainante e seducente del proprio percorso segnato! Eh,l'esistenza...sacra armonia!♥

    RispondiElimina
  6. Leopoldo Costabile2 ottobre 2011 19:05

    E' decisivo comprendere che esser "Marinaro" non significa oltrepassare in sequenza cento approdi; ma di ritornare ad essi ad uno a uno, per recuperare volta a volta una maniera (o una miniera) nuova.

    Grazie Antonio e buona domenica

    RispondiElimina
  7. Annalisa Parrini2 ottobre 2011 19:06

    Come " Onde di ricordi "... bellissima mio caro Amico ! ♥

    RispondiElimina
  8. Daniela Cattani Rusich2 ottobre 2011 19:06

    Ciao Antonio, grazie! Buona domenica*

    RispondiElimina
  9. bella Antonio. Non a caso ci si perde in un oceano se non si è esperti marinai e dalla spiaggia veniamo catturati dallo scroscìo delle onde che guardiamo come ipnotizzati ascoltando i suoni ritmici dell'andare e venire-andare-venire-andare-venire potremmo stare ore in contemplazione purificando l'anima, ripotenziando la mente e la percezione dei sensi)

    RispondiElimina
  10. Ivana Marija Vidovic2 ottobre 2011 19:08

    Io non ho parole davanti al Mare che e' e per sempre rimarra' il nostro Padre! Grazie infinite carissimo

    RispondiElimina
  11. Come i due faraglioni di Vietri fanno da faro al marinaio, la poesia è il faro che illumina il marinaio che è in te. Il mare un luogo che unisce i pensieri, le terre, i sentimenti, le speranze ed i sogni... si naviga sempre per raggiungere una meta. Grazie per il tag Antonio. Buona serata.

    RispondiElimina
  12. Nunzia Zambardi2 ottobre 2011 19:09

    bellissimo il grande spettacolo del mare che tutti i giorni osservo dalla mia finestra....ogni giorno si presenta con qualcosa di nuovo,non è sempre lo stesso....mi piacciono le onde benigne del mare di terra....ma ,quando si adira,la sua rabbia è contagiosa...bellissima la foto!!!!mi ricorda,in particolare,un spiaggia di Ischia dove le onde sono lunghissime....grazie Antonio!!!

    RispondiElimina
  13. Gianfranco Garberoglio2 ottobre 2011 19:30

    Grazie Antonio.

    RispondiElimina
  14. Gianfranco Pampo2 ottobre 2011 19:31

    Complimenti Antonio, un
    passo alla conquista degli amanti della poesia buona Domenica.

    RispondiElimina
  15. Grazie caro Antonio, il mare tanto simile alla essisitenza...bravíssimo poeta cosi è in spagnolo:

    Es conquista de vida
    La antigua meta

    Soy un ignorante
    marinero

    Ana Caliyuri Un abbraccio d'anima grande poeta!

    RispondiElimina
  16. Elviana Bidasio3 ottobre 2011 06:24

    per chi vive in montagna come me ,il mare ha un fascino tutto particolare l'andare e venire delle onde l'urlo dei gabbiani ,è meraviglioso aprire la finestra e vedere il mare, Antonio,grazie di avermi fatto sognare

    RispondiElimina
  17. Antonio Ciminiera3 ottobre 2011 06:24

    un'immagine che rende perfettamente l'idea di questo navigare non sempre agevole. Un mare in burrasca, un'immagine affascinante, suggestiva certamente, molto bella in questo suo vestito grigio...vivo! Non ci resta che salpare...sarà la corrente a condurci alla meta. Il tuo cuore di poeta, seppur luminoso e potente, non potrà modificare la rotta, nessuno può farlo ma potrà rendere unico e interessante il viaggio. Bellissima l'immagine, splendido "quell'oceano" di poche, essenziali ma incisive parole. Grazie amico mio

    RispondiElimina
  18. Mariella Mulas3 ottobre 2011 13:27

    La vita s'incanala di mete... ognuna approdo, ognuna sorpresa o delusione... noi, esseri tutti marinai, sempre in moto di coste propizie, sempre con sguardo lungo all'orizzonte fino al confine tra cielo e mare... e se il faro è spento più difficile sarà riconoscerne la sincerità dell'arrivo per fermarsi! Stupendo caro Antonio la tua riflessione, docile di intensi pensieri! Grazie Antonio... sei grande come è il tuo stile! Ciaoo, ti abbraccio!

    RispondiElimina
  19. bellissima foto...e per adesso..mi rappresenta... grazie ciao

    RispondiElimina
  20. Halina Wolska Marecka4 ottobre 2011 05:32

    Fare un bagnio a mare agitato-che emozioni...Tante grazie

    RispondiElimina
  21. Anna Maria Ciaurro4 ottobre 2011 05:33

    Grazie è molto suggestiva la foto associata alle tue parole!

    RispondiElimina
  22. Paolo Staglianò4 ottobre 2011 15:58

    antica solo nel pensarla , immanente, pesantemente immanente, ex- sistentia ... il mare simbolo di libertà e di conoscenza , inganno virtuale l'orizzonte che ne segna la fine , punto di arrivo o di partenza, o solo voce ininterrotta di un universo che ti avvolge e ti contiene, sonno e risveglio al di la del sé... ti abbraccio Antonio

    RispondiElimina
  23. Bellissimi versi, sento il fragoroso rumore del mare e vedo, te, Antonio, marinaio.

    RispondiElimina
  24. Nel corso della nostra esistenza noi ci troviamo spesso in balìa dei marosi,i quali ci sballottolano da una sponda ad un'altra senza tregua mentre cerchiamo invano un faro che possa illuminare il nostro periglioso cammino,nonché un'isola felice presso cui approdare .
    Belli e significativi i tuoi versi,Antonio,così come suggestiva è la foto che ritrae il tuo mare splendido,sì,ma al contempo agitato.

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge