13 gennaio 2012

EDUARDO DE FILIPPO, NCOPP' A STA TERRA.


Un anno si chiude e un altro s’è appena aperto. Si fa per dire, è l’uomo a far rumore ad ogni nuovo compimento d’un anno; quando tutto è finito, ci accorgiamo dal silenzio che nulla è avvenuto se non una prosecuzione della vita. E poi gli anni quasi non li conteggiamo più, sembrano lunghi e vanno via veloci uno dopo l’altro. Questa società, inquinata dall’effimero, sembra aver esaurito tutto, e il senso della vita sempre più s’allontana verso un turbine di vanità nel quale veniamo inevitabilmente risucchiati giorno dopo giorno.

Ho piacere di proporvi questa poesia del grande drammaturgo napoletano Eduardo De Filippo, autore di numerose opere teatrali, tra cui (impossibile qui citarle tutte) Uomo e galantuomo (1922) Ditegli sempre di sì (1927) Natale in casa Cupiello (1931) che ritengo il suo capolavoro, L'abito nuovo, scritto insieme a Luigi Pirandello (1936) Non ti pago (1940) Napoli milionaria! (1945) Questi fantasmi! (1946) Filumena Marturano (1946) Le voci di dentro (1948) L'arte della commedia (1964).

Eduardo De Filippo, fratello di Peppino e Titina, nacque a Napoli il 24 maggio 1900 ed è morto a Roma il 31 ottobre 1984, figlio naturale dell'attore e commediografo Eduardo Scarpetta e della sarta teatrale Luisa De Filippo. È da considerare fra i massimi esponenti della cultura italiana del Novecento; per i suoi meriti artistici e culturali fu nominato senatore a vita dall'allora Presidente della Repubblica Sandro Pertini.

Eduardo De Filippo è stato naturalmente poeta, anche quando scriveva i suoi testi teatrali, per la sua capacità di linguaggio universale, semplice ma pur complessa, di andare diritto al cuore delle riflessioni profonde dell’umano.

NCOPP' A STA TERRA
 
Te pare luongo n'anno
e passa ambressa;
quann'è passato se ne va luntano;
ne passa n'ato
e quanno se n'è gghiuto
corre pur'isso nziem' a chillo 'e primma,
e nzieme a n'ati cinche
vinte
trenta
se ne vanno pè ll'aria
ncopp' 'e nnuvole.
E 'a llà tu siente comm' a nu frastuono
ch'è sempe 'o stesso
'a quanno 'o munno è munno
ncopp' a sta terra:
comme si fosse 'a banda d' 'o paese
ca scassèa mmiez' 'o vico
e s'alluntana.
Trase int' 'e rrecchie quanno sta passanno
e nun 'a siente cchiú quann'è passata.
Ma na cosa te resta:
sa che te rummane?
Te rummane 'o ricordo 'e nu mutivo
comme fosse na musica sperduta
'e nu suonno scurdato,
ca t'è paruto vivo
chiaro cchiù d' 'o ccristallo
dint' 'o suonno
e nun 'o può cuntà quanno te scite
manc'a te stesso,
tanto è fatto 'e niente.

1970

Eduardo De Filippo
(da “Le poesie di Eduardo” Giulio Einaudi Editore - 1975)

4 commenti:

  1. Mariaconcetta Lo Re14 gennaio 2012 10:48

    Magico Eduardo ...............

    RispondiElimina
  2. Eduardo De Filippo, drammaturgo e attore di se stesso, spontaneo nella recitazione così da sembrare vera (perché tutto era vero in lui) sia nella vita che sul teatro, era padrone del suo volto scavato, che esprimeva il vero volto della sua Arte.

    RispondiElimina
  3. Il grande Eduardo ha lasciato all'intera umanità un patrimonio culturale non indifferente,costituito dalle sue commedie e dalle sue poesie intrise di amarezza e caratterizzate dalla rappresentazione di una certa realtà :quella della Napoli del dopoguerra,nella quale vengono riportati i drammi vissuti da intere famiglie intente a "sbarcare il lunario",ricorrendo a metodi a volte illeciti.Questo grande artista avrebbe meritato il Premio Nobel per la letteratura al posto di altre persone forse meno preparate di lui :è stato un vero peccato essersi lasciati sfuggire tale occasione!

    RispondiElimina
  4. Anna Valdinelli16 gennaio 2012 17:56

    Per me da sempre appassionata di poesia, è un luogo che andrò a visitare tutti i giorni, cercando anche tra i suoi archivi, bellissime poesie e articuli di cultura.

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge