1 ottobre 2013

“UN’ALBA” DI ALFONSO GATTO.

SALERNO

UN’ALBA

Com'è spoglia la luna, è quasi l'alba.
Si staccano i convogli, nella piazza
bruna di terra il verde dei giardini
trema d'autunno nei cancelli.
È l'ora fioca in cui s'incide al freddo
la tua città deserta, appena un trotto
remoto di cavallo, l'attacchino
sposta dolce la scala lungo i muri
in un fruscìo di carta. La tua stanza
leggera come il sonno sarà nuova
e in un parato da campagna al sole
roseo d'autunno s'aprirà. La fredda
banchina dei mercati odora d'erba.
La porta verde della chiesa è il mare.

Alfonso Gatto

È trascorsa la notte fitta di pensieri. Ora è quasi l’alba, la luna si sta spogliando del buio. L'alba tratteggia la chiara bellezza della “nostra” città che si risveglia; e lo fa senza rumore, in un’attenuata atmosfera appena brulicante di vita. Che splendide immagini! I treni della stazione, le palme nei giardini che sembrano rabbrividire al primo autunno, il trotto di un cavallo sulla strada di terra battuta, l’attacchino di manifesti che sposta “dolcemente” la scala lungo i muri in solitaria armonia con l’universo. La porta della chiesa ha il colore verde del mare che s’apre alla trascendenza, al misterioso significato della vita.
(antonio ragone)

7 commenti:

  1. Agnese Di Venanzio1 ottobre 2013 20:50

    Che piacere leggere i tuoi scritti !.... anche la narrativa ... muti in poesia !... persino l'attacchino hai reso romantico alla mia impressione .

    RispondiElimina
  2. Stefania Minnucci2 ottobre 2013 14:45

    Bellissime ! Entrambe.

    RispondiElimina
  3. Elviana Bidasio2 ottobre 2013 14:46

    Antonio caro ,le poesie sfrecciano nella mia piccola anima,la capacità di vedere e sentire le emozioni,è grande ,la profondità del sentimento pure ,grazie,complimenti

    RispondiElimina
  4. Stefania Minnucci2 ottobre 2013 14:47

    Bellissima anche la foto e Salerno, naturalmente.

    RispondiElimina
  5. Mariaconcetta Lo Re2 ottobre 2013 14:47

    Non oso interrompere due Poeti che cantano di Salerno all'alba.

    RispondiElimina
  6. Sabrina Lagoteta2 ottobre 2013 14:48

    Magnifico duetto... complimenti ad entrambi.

    RispondiElimina
  7. Immagini suggestive,espresse da Alfonso Gatto e commentate egregiamente da Antonio Ragone,due poeti che hanno sempre molto amato la loro terra.

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge