29 marzo 2014

AGNESE DI VENANZIO, AVREI VOLUTO !...




Con l'arrivo della primavera (vedi data del testo) ... all'alba ... un contrasto.

Un saluto,
Agnese. 

Poesie 2014                                      
Roma, 21 marzo 2014, 
venerdì ore 06,30



Avrei voluto !...


Avrei voluto avere 
una famiglia
l’amore di un marito, 
di una figlia
una casetta in ordine, 
un grazioso giardinetto
vivere tutti uniti
nell’ amore perfetto,
ma i desideri da realizzare
costan fatica poterli meritare !...
quando c’è  egoismo, 
manca condivisione,
prevale il proprio  “ io “
e non c’è più ragione…
tutto viene distrutto,
l’amore, il sentimento
e quel che si voleva 
è volato come il vento
Ora c’è solitudine, rimpianti, amarezza
con nostalgia ripensi 
alla perduta giovinezza.

Copyright© Agnese Di Venanzio

3 commenti:

  1. Mi piace qui ospitare una bella poesia della mia carissima amica Agnese Di Venanzio.
    La primavera è la stagione della rinascita e qui ritornano le ombre del passato.
    E tanta nostalgia per un passato che ancora ci fa gioire e ci rende ancora giovani, anche se la differenza fa tremare il cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si Antonio, e una bella poesia, ... letto con piacere.
      Grazie di aver condiviso!
      Lisa

      Elimina
  2. Buon Anno Antonio!
    da parecchio non ci sentiamo.
    Avrò da esporti un dilemma e lo farò a parte.

    Ora, vorrei brevemente dire di questa poesia molto bella che è molto triste e malinconica, fa riemergere alcune incertezze e forse nascoste o sopite paure.
    Ma il poeta non è mai un "allegrone" raramente "canta" la gioia.
    Sarà così? carta e inchiostro ci servono per portare in alto in alto il nostro spirito puro e sovente incompreso.

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge