2 febbraio 2015

IL POETA RESTA SOLO CON LA SUA POESIA.



Il poeta resta solo con la sua poesia

Mentre la sera scende
il poeta resta solo con la sua poesia.
È un fioco bagliore nel buio
d’un viale addormentato
d’una panchina vuota
dove chissà quanti hanno posato
la loro stanchezza.

E hanno ripreso il cammino.

Forse… la poesia…
la cosa più bella che esista,
l’unica che può salvare questa umanità alla deriva.

© Antonio Ragone

14 commenti:

  1. Francesco Casuscelli2 febbraio 2015 16:15

    una sosta per riflettere, caricare lo spirito ascoltando Elimina questa foto
    o leggendo la poesia che scorre nel mondo, e ripartire verso la nostra meta,
    con un nuovo spirito. Antonio Ragone hai ragione la poesia può aiutare a
    mantenersi sulla via che scava in profondità dell'anima per riconoscere la
    bellezza. La tua piacevole poesia mi apre riflessioni che l'immagine aiuta a
    confluire verso nuova poesia. Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I poeti hanno il compito di non dover tacere perché solo la
      poesia regala il privilegio di scrivere in versi ciò che altrimenti non si direbbe
      mai. La poesia che porta altra poesia perché la poesia non è morta, né credo
      morirà. Grazie Francesco per la tua attenzione e per l’ottimo commento.
      Ricambio il tuo saluto.

      Elimina
  2. Mariaconcetta Lo Re2 febbraio 2015 16:16

    Quel Vento caldo che ci salva dallo stallo
    tiene la prora del vascello all’orizzonte
    in eterna ricerca dell’Isola
    dai i colori della volta celeste
    cornucopia di bellezza.
    Ed io attendo l’albore d’un mattino nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E si vagheggia l’isola nascosta dietro qualche promontorio
      di salsedine…
      È il navigare che spinge la speranza… Mariaconcetta...

      Elimina
  3. Giovanni Cesario2 febbraio 2015 16:20

    la poesia è il vestito che il bosco nudo indossa a
    primavera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bellissima la tua metafora, caro Giovanni… un bosco nudo
      non ha colori, lo dipinge la poesia e gli dà vita.

      Elimina
  4. Agnese Di Venanzio2 febbraio 2015 16:26

    Sulla panchina !.... come gli innamorati !.... * Il Poeta e
    la Poesia*.... perché é solo l'amore che li unisce, là, dove buio e luce si
    mescolano. da Agnese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello Agnese… grazie; ciao cara.

      Elimina
  5. Daniella Pasqua2 febbraio 2015 16:28

    La poesia ci aiuta a vivere, è quel bagliore, come hai
    scritto, che ci dà modo di dar voce a ciò che, altrimenti, rimarrebbe sepolto
    nel nostro "Io". Questa tua pregevole lirica, amico mio, è un'altra perla che si
    aggiunge ad altre tue... un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, cara Daniella, la poesia è come un faro che può
      indicarci la via per affrontare mari tumultuosi…
      Grazie e un caro saluto, amica mia.

      Elimina
  6. Liliana Castellari2 febbraio 2015 16:30

    Bella Antonio!

    RispondiElimina
  7. "IO non ho la tua scienza....!".
    Nel citarti,amico mio carissimo,ti esterno il mio rammarico di non essere capace di esprimere in versi i sentimenti più profondi che nascondo nel mio animo,così come accade a te e ad altri grandi poeti.
    Un abbraccio da Anna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna mi sei molto cara, lo sai. Accogli il mio abbraccio più profondo per te.... e una carezza che lieve t'accarezza il viso.

      Elimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge