8 novembre 2013

NON È POESIA.




Niccolò dell'arca, Compianto sul Cristo morto, Chiesa di S. Maria della Vita, Bologna


NON È POESIA

C’è solo l’esilio.
Ora che i cuori si sono desertificati,
induriti per assenza di acqua sincera,
sono le umiliazione e le offese,
le assenze dei sentimenti,
l’indifferenza.

Ora,
ora è tempo di intonare nuovi canti 
riconducibili ad una nuova era,
non rinnovata,
ma rigenerata limpida e pulita
da nuova acqua di sorgente pura.

No, questa non è una poesia,
è solo utopia da irrefrenabile strazio.

Antonio Ragone

9 commenti:

  1. Sonja Radaelli8 novembre 2013 17:55

    grazie! bellissima

    RispondiElimina
  2. Agnese Di Venanzio8 novembre 2013 17:56

    Una riflessione che fa vibrare il cuore ed
    ecco che già scorre il sangue nelle vene e l'acqua limpida della
    coscienza di chi legge questo bellissimo tuo testo; La foto
    appropriatissima , si se muore la coscienza e manca il SAL di vivere é
    la morte dell'uomo . Un bacio ed un grazie . SE SI SCAVA !... L'ACQUA
    SI POTREBBE TROVARE .

    RispondiElimina
  3. Mariaconcetta Lo Re8 novembre 2013 17:56

    Non è forse figlia della Poesia l’Utopia?
    Non è forse l’Utopia capace di strappare
    i panni sdruciti di una squallida esistenza,
    genuflessa all’orrore di cui siamo circondati?
    Non è forse l’Utopia capace
    di far nascere un fiore dalle macerie lasciate sul campo?
    Nella Speranza il sogno realizzato.

    RispondiElimina
  4. Nell'utopia ritrovo il respiro. Il tuo strazio è
    travolgente.

    RispondiElimina
  5. Sabrina Lagoteta8 novembre 2013 17:58

    Le tue parole sono così vere che
    feriscono...sono certa che la grandezza di un poeta non stia tanto
    nel pensiero, ma nella capacità di farsi carico dei pensieri di tutti e
    sublimarli. Tu sei grande.

    RispondiElimina
  6. Luciana Amanati8 novembre 2013 17:59

    Aspiro all'utopia, spiraglio di luce nella notte fonda, senza speranza
    si muore subito.

    RispondiElimina
  7. Virginia De Angelis8 novembre 2013 17:59

    che bella.

    RispondiElimina
  8. Si tratta di parole belle e"crude",che rispecchiano esattamente la società di oggi,ossia:una società distratta,troppo presa dal consumismo e da un egoismo dilagante,nonché priva di valori etici.
    Complimenti ad Antonio,anche per la foto molto suggestiva.

    RispondiElimina
  9. Intonare nuovi canti, sentore di rinnovamento
    un saluto t.t.

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge