19 maggio 2009

ANTONIO RAGONE: LA TORRE MISTERIOSA



È stato un lungo inverno, da poco passato, freddo e piovoso. Ora stiamo vivendo la dolcezza d’una tardiva primavera. Io che da anni vivo nella campagna romana, spesso ho pensato al mare, quest’inverno, ai miei luoghi, alla mia antica casa dalla quale vedevo, ogni giorno, senza mai abituarmi, la bellezza d’un lembo della costa amalfitana. Mi sembra opportuno proporvi questa mia poesia tratta da “L’isola nascosta” Ed. Akkuaria 2007.

LA TORRE MISTERIOSA

Andando su per l’ansimante salita di queste scale
antiche di collina, dove l’odore del mosto è già passato,
sento già l’affannoso fiato
dell’amato inverno. Ancora un nuovo inverno
darà ai miei giorni l’erba gelida
nell’alba, le dense nubi prossime alla pioggia.
È questa l’ora tarda dell’anno,
questa mia ora, degli oscuri silenzi,
fissi, nell’inalterabile profondità della vita.
E sulle mie coste lontane, irraggiungibili, certo i marosi
flagelleranno ancora la torre misteriosa,
baluardo antico contro i saraceni.
Antonio Ragone

La “torre misteriosa / baluardo antico contro i saraceni”, altra potente metafora di Ragone . (dalla prefazione del critico letterario Antonio Fiorito).

3 commenti:

  1. Sono andato su Google Libri a leggere alune tue poesie della raccolta "L'isola nascosta". Ti faccio i miei complimenti, anch'io amo il mare come lo vedi tu, e poi vivo in provincia di La Spezia, sulla costa delle cinque terre. Questa poesia a me piace molto... Ciao, Giorgio.

    RispondiElimina
  2. Carissimo Antonio,

    questi sono gli inviti che mi emozionano!

    grazie a te, mettiamoci in contatto e rimbocchiamoci le maniche:

    nataliacastaldi@splinder.com

    tu arrivi quando la speranza vacillava, ti ringrazio io.

    natàlia

    RispondiElimina
  3. Rivalutare la Poesia in generale e i grandi poeti ingiustamente dimenticati...

    In effetti non oso pensare senza...

    RispondiElimina

Se vuoi esprimere un tuo commento, lascia un messaggio possibilmente non anonimo. Grazie.

Google+ Badge